Salvo Longo e il suo libro svela come gestire un’ufficio Stampa Efficacemente

Ciao a tutti benvenuti a questa nuovissima intervista di BookNess con il dottor Salvo Longo, dottore in scienze politiche, grandissimo esperto di comunicazione e formazione, si occupa di queste materie e ha scritto un libro molto interessante.

Come creare e gestire un ufficio stampa. Dalla teoria alla pratica.

Salvo presentati e un caro saluto da parte mia.

Grazie. Ciao Emanuele e buonasera a chi ci sta seguendo.

Sono Salvo Longo, ho 51 anni, lavoro nell’ambito della formazione e della comunicazione ormai da più di un ventennio.

Sono giornalista pubblicista e ho lavorato presso varie redazioni sia per giornali cartacei, che per la televisione e negli ultimi anni, con il boom di internet, per i giornali online.

L’idea libro è stata una folgorazione avvenuta molti anni fa, intorno a 2005-2006.

Fui contattato da un’agenzia di comunicazione di Milano a cui, qualche anno prima, avevo rilasciato il mio curriculum e non avrei mai pensato che, dopo tutto quel tempo, l’agenzia mi avrebbe chiamato.

Invece, mi fu scritta una mail, dove mi informavano che il mio curriculum era stato selezionato allora, ma messo in “riserva”, perché comunque avevano già dei referenti in Sicilia.

Fu così che, due anni dopo, mi dettero un incarico, di un importante ufficio stampa a livello nazionale, da seguire nella città di Catania.

Devo dire che fu un successo.

Lavoravo con diversi giornali, con il Giornale di Sicilia, in alcune televisioni private come Telecolor, e mi arrivavano continuamente comunicati stampa.

Spesso però erano illeggibili e impresentabili.

Fu così che iniziai a pensare a cosa avrei potuto fare per aiutare gli operatori della telecomunicazione a creare comunicati efficaci, leggibili e presentabili.

Nacque così l’idea di scrivere questo libro.

Sono passati un po’ di anni da allora.

È da poco che sono riuscito a completarlo, sia per le vicissitudini della vita, della famiglia, che per impegni professionali.

Finalmente, ma con il tuo aiuto, ce l’abbiamo fatta e sono molto contento di quello che sta accadendo e, devo dire, il libro sta andando abbastanza bene.

Salvo vorrei svelare un dato confidenziale, sempre che tu sia d’accordo.

Mi hai contattato quasi quattro anni fa, hai bloccato il servizio di pubblicazione e poi sei stato occupato, come tutti, dalla vita e da ben altre attività prioritarie.

Nel momento in cui ha deciso di pubblicare il tuo libro, abbiamo ripreso il discorso avviato insieme e abbiamo completato il lavoro.

Mi permetto di essere autoreferenziale perché, abbiamo ripreso il servizio, dopo quattro cinque anni, continuando ciò che avevamo iniziato, terminandolo e alle stesse condizioni, e credo che questo sia qualcosa di positivo.

Tutto ciò per dire che a volte, le formule che noi proponiamo, soprattutto all’interno di webinar, vanno in questa direzione: c’è la possibilità di prenotare una pubblicazione; perdonami questa parentesi Salvo.

Tutto questo che effetto ha?

Ha un effetto psicologico: quando la persona prenota il nostro servizio, può stare tranquilla, perché al momento giusto ci invierà il proprio file e noi ci occuperemo della pubblicazione.

Quindi non avrà più lo stress di dover pensare a come pubblicare e tutte le risorse mentali andranno in direzione della costruzione del libro, come hai fatto tu in questi anni.

E, nel momento in cui ti sei sentito pronto, lo abbiamo pubblicato.

Ma per capire come fare un comunicato stampa efficace bisogna comprarsi il libro del dottor Salvo Longo.

Potresti dirci tre segreti, in maniera sintetica, per scrivere un comunicato stampa efficace?

Emanuele, devo dire che il tuo servizio è eccezionale.

Scrivere bene è a dir poco necessario e quindi evitare errori grammaticali e di sintassi.

Errori da evitare assolutamente.

È obbligatorio rivedere attentamente e con concentrazione il contenuto del comunicato per controllare che non ci siano errori.

Consiglio sempre e comunque di impegnarsi a scrivere, a scrivere tanto, perché l’allenamento nella scrittura è importante e leggere molto, la lettura è fondamentale per scrivere bene.

Quindi il comunicato deve essere scritto bene.

La seconda cosa che mi permetto di consigliare è scriverlo in maniera professionale, giornalistica, seguendo le famose regole delle 5W anglosassoni.

Un comunicato deve contenere una notizia, perché per essere pubblicato dai media, deve includere una notizia interessante da pubblicare.

Occorre scrivere quando si svolge la notizia, come si svolge, dove si svolge, chi è il protagonista.

Per questo consiglio sempre a chi fa questa professione o lavora negli uffici stampa, a chi scrive comunicati, di “confezionarlo” proprio come se fosse una notizia giornalistica, ma interessante, perché così ha molte più chance di essere pubblicato.

Deve contenere qualcosa di interessante per il lettore.

Se un comunicato è fine a se stesso, cioè vuole fare la promozione di qualcosa, di un prodotto, di un servizio che magari viene attivato da un’azienda, da un’impresa o l’attività di una pubblica amministrazione, potrebbe non essere interessante per la pubblicazione.

Quindi scrivere bene, notizia e affidarsi a piattaforme di comunicati stampa, per l’invio professionali.

Formare un proprio database di giornalisti, email di redazioni giornalistiche, che possono essere interessati alla pubblicazione, ma per questo ci vuole del tempo.

Solo nel tempo si costruisce la famosa mailing list che permette di avere un database completo, a cui inviare il proprio comunicato.

Questo in maniera molto sintetica.

Nel tuo libro c’è poi una sezione che ho trovato molto interessante: riguarda proprio delle testimonianze di professionisti della comunicazione, dove ognuno, nel proprio campo, mostra e racconta delle eccellenze.

Puoi farci qualche esempio di questo capitolo, senza svelare tutto.

È un capitolo a cui sono molto legato.

Mi serviva per completare il libro e dargli, oltre alla mia esperienza, quel tocco di professionalità in più, chiamando in causa alcuni grandi professionisti della comunicazione.

Così ho inviato delle email ad alcuni di questi grandi nomi, che nemmeno conoscevo.

Ho inviato una semplice richiesta, presentandomi, dicendo che stavo scrivendo un libro sull’ufficio stampa e chiedendo una loro testimonianza su determinate tematiche, inerenti al libro.

Con alcuni è stato più semplice perché già ci conoscevamo o avevamo lavorato insieme.

Ho inviato la mail a Matteo Bruni capo Sala Stampa del Vaticano, a Paola Giunti direttrice e responsabile della comunicazione nel Teatro Regio di Torino.

L’ho inviata a Riccardo Vitanza, considerato il numero uno della comunicazione musicale in Italia, cura gli uffici stampa dei più grandi artisti da Zucchero a Gino Paoli, a Giorgia a Jovanotti, insomma i più grandi artisti della musica italiana.

C’è Mariano Campo, tra l’altro mio amico, responsabile della comunicazione dell’Università di Catania, c’è Arsia La Rosa, grande imprenditrice della comunicazione e fondatrice di ePress, agenzia di comunicazione con collegamenti a Catania a Milano.

C’è Marco Del Checcolo, Social Media Manager di Federica Pellegrini, c’è Michele Rampino imprenditore della comunicazione e fondatore della piattaforma ComunicatiStampa.net.

Abbiamo anche Daniele Lo Porto importante nome del giornalismo siciliano, oltre ad essere mio amico, con grande esperienza all’ufficio stampa della provincia di Catania per circa 15 anni.

Poi Francesco Pira, altro nome siciliano del giornalismo, nonché sociologo, esperto di comunicazione, che ha dato un interessante contributo sulle fake news.

Chiaramente noi operatori professionisti della comunicazione dobbiamo sempre stare attenti a cosa comunicare e a come farlo quindi, il contributo del professore Francesco Pira, è stato molto importante.

Spero di non aver dimenticato nessuno!

Questi sono i grandi professionisti della comunicazione che mi hanno onorato con il loro contributo e hanno collaborato alla stesura dell’ ottavo capitolo del libro.

Ho sempre ricevuto risposte positive e quindi sono contentissimo.

È molto utile per chi ci sta seguendo, che molto probabilmente è uno scrittore o una scrittrice, oppure un imprenditore che vuole utilizzare il libro come strumento di marketing, ciò che ci stai dicendo.

Effettivamente scrivendo un comunicato, una richiesta, con una formula giusta, semplice, efficace, professionale, come tu stesso ci hai mostrato, è possibile raggiungere qualsiasi persona grazie ad internet.

Hai puntato in alto e hai ricevuto riscontri molto interessanti in un libro, pubblicato in Self Publishing, dove ci sono dei nomi e delle testimonianze veramente altisonanti.

È sicuramente utile questo insegnamento che ci stai dando.

Se dall’altra parte c’è uno scrittore che vuol condire i contenuti del proprio libro con delle testimonianze di persone autorevoli, non deve aver paura e, come dico sempre, deve scrivere a chi pensa possa essere di valore per il suo servizio, per il suo prodotto.

Male che vada riceverà un semplice no.

Scrivere non costa nulla, soprattutto per noi che facciamo della scrittura quasi la nostra professione.

Salvo se tu dovessi scrivere un comunicato stampa per la promozione del tuo libro come lo scriveresti?

Diciamo che l’ho già scritto e ho avuto anche delle ottime pubblicazioni.

Lo scriverei proprio come si scrive un comunicato stampa, quindi “confezionando” una notizia, parlando del libro, della sua realizzazione, dei contenuti e in maniera sintetica.

Ma, allo stesso tempo approfondita perché, come spiego nel libro, in un comunicato stampa c’è la possibilità di inserire dei link di approfondimento, soprattutto in quelli destinati ai giornali online.

Attraverso questi link possiamo dare ulteriori notizie.

Devo dire che, il comunicato che ho inviato a diverse testate, è andato molto bene, infatti su internet, si possono trovare molti articoli che lo riguardano e sulla realizzazione del mio libro.

Un aneddoto che ti voglio raccontare, e che mi fa piacere raccontare anche a chi ci segue, è che alcuni libri li ho regalati.

L’ho regalato al Presidente Dell’Ordine dei Giornalisti di Sicilia, perché appartenendo a questo Ordine, ho ritenuto giusto informare il mio Presidente, che era stato pubblicato un libro su questo argomento.

Mi ha telefonato il Responsabile della Formazione dell’Ordine dei Giornalisti di Sicilia, informandomi dell’apprezzamento del Presidente, e mi è stato proposto di fare alcuni corsi di formazione ai giornalisti, sulla materia degli uffici stampa.

È stata una cosa molto bella e piacevole.

Questa, chiaramente, è la forza di un libro.

Vorrei ricordare che il libro ha avuto la brillante e autorevole prefazione del giornalista della Stampa, Fabio Albanese.

Ci tengo a ricordarla!

Conosco Fabio da tanti anni e abbiamo anche collaborato insieme, ma avere la sua prefazione è stato veramente un onore.

E poi, la parte finale del libro, dove riporti proprio le leggi, le direttive, la carta dei doveri del giornalista, degli uffici stampa, andando a smontare gli ultimi dubbi di chi deve fare questa professione, dando riferimenti oggettivi per condurre un’attività in modo assolutamente corretto.

Salvo ti ringrazio veramente di questa collaborazione.

Per me è un onore aver dato la possibilità al tuo libro di essere pubblicato, un libro così autorevole, così importante, con questi grandi riscontri.

Quali sono i siti o gli spazi sociali dove trovarti, la mail a cui contattarti eventualmente?

Il mio sito è www.ufficiostampaecomunicazione.com.

Ho il canale YouTube che sto iniziando ad alimentare adesso.

Per un’ulteriore promozione del libro, ho intenzione di realizzare dei piccoli video informativi sugli uffici stampa e la comunicazione e inserirci il link, per l’eventuale acquisto del libro stesso.

Un’ulteriore possibilità di allargare la platea dell’informazione sulla realizzazione di questo testo.

Una cosa che ho dimenticato: l’altro giorno La Sicilia, il maggiore quotidiano regionale, ha dedicato, nella pagina nazionale della cultura, un bell’ articolo al mio libro.

Complementi davvero Salvo.

Ti mando un abbraccio e spero di incontrarti presto in Sicilia o nelle Marche.

Grazie. Con grande piacere. Ciao Emanuele.

Grazie a tutti e buona serata.

Se hai scritto un libro e vuoi sapere quanto costa pubblicarlo, allora sei nel posto giusto!

Registrati al Webinar per scoprire come anche tu puoi sfruttare il Metodo V.O.L.A. grazie al quale 138 autori sono diventati bestseller Amazon.
Share This