Benvenuti in questa nuovissima intervista di Bookness. Guardate qua che roba! Vola, vola più in alto con i droni! Questo libro è fantastico e dall’altra parte c’è una persona che parimenti ha qualcosa da raccontarci di molto, molto interessante e tecnologico. Gabriele Turci ciao.

Gabriele, dicci chi sei e di che cosa ti occupi.

Ciao Emanuele. Faccio un lavoro abbastanza particolare e credo di essere l’unico a farlo in Italia. Mi occupo di tutta la burocrazia che sta dietro al mondo dei droni, che è molto consistente. E tutto questo per permettere ai piloti di pilotare senza problemi e, a mente fresca, senza preoccuparsi di sanzioni penali, sanzioni amministrative.

Insomma, per fare godere i piloti quello che è il volo sia per lavoro che per hobby coi droni.

Fantastico. E il tuo sito che andiamo ora a vedere, dronext.eu è un sito che dimostra quella che è la riprova sociale che sta avendo la tua attività: più di 40.000 allievi formati. Credo che questo sia un record mondiale. Chi ha formato tutte queste persone sui droni nel mondo? Io credo, molto probabilmente, nessuno più di te.

In Italia sicuramente no. Anche all’estero esistono realtà analoghe, ma comunque diverse. Puntiamo tutto sulla semplicità, sull’economicità e sulla velocità. Nel senso che uno che vuole pilotare il drone non ha voglia di perdere mesi, mesi e mesi per ottenere un patentino, per fare l’assicurazione, per star dietro alla burocrazia. Quello che facciamo noi è sobbarcarci tutto l’onere, diciamo tutta la parte brutta che sta dietro ai droni.

Brutta, noiosa tra virgolette e permettere ai nostri clienti di volare senza nessun problema. Tutto lì, velocità ed economicità, perché se guardi anche i nostri prodotti sono molto più economici rispetto alle scuole tradizionali e questo non fa male in un periodo come quello che stiamo vivendo.

E da dove nasce questa passione e questa competenza che hai?

Nasce certamente dalla passione che io avevo e ho tutt’ora per agli aeromodelli che poi si è evoluta nella passione per i droni attuali e unita però anche alla mia formazione giuridica. Sono laureato in giurisprudenza, ho fatto pratica legale e quindi queste due cose mi hanno messo in grado di aiutare le altre persone a risolvere cose apparentemente difficilissime o comunque di venire a capo di una burocrazia che come sempre in Italia è molto, molto articolata e che può spaventare.

Diciamo che questo libro può servire a togliere un po’ di paura a chi lo legge nell’affrontare queste possibili difficoltà e può far anche vedere come una passione possa diventare un lavoro. Alla fine è nata come passione ed è diventata il mio lavoro a tempo pieno. E non solo per me, ma anche per tante altre persone che ho seguito e che sto seguendo tuttora.

E il libro perché lo hai fatto?

Mi piaceva innanzitutto raccontare il percorso che c’è dietro alla mia azienda, alla mia società, per far vedere che non è nata dall’oggi al domani, ma che si basa su oltre sei anni di lavoro, di studio, di affinamento, di miglioramento, di errori che hanno portato poi a migliorare tutto il processo.

Diciamo il primo obiettivo è questo, far vedere che siamo una realtà solida e condividere anche alcuni aneddoti simpatici. Alcuni simpatici, altri un po’ meno che ho vissuto sulla mia pelle, anche situazioni abbastanza pesanti, per evitare che chi legge questo libro e ha la passione per i droni e quindi vuole volare, eviti di viverla sulla sua pelle.

Ad esempio, quando mi hanno chiamato in commissariato, questa è una delle tante cose che viene raccontata nel libro e come in qualche modo son riuscito a cavarmela, ma vivendo uno dei momenti peggiori della mia vita.

Il secondo obiettivo è quello appunto, come accennavo prima, di eliminare, togliere la parte di paura che uno può avere nel momento in cui prende per la prima volta in mano un drone e dice: oddio, che faccio adesso per poterlo utilizzare? Questi sono i due motivi principali.

Senti, tu che conosci alla perfezione questo campo, dove arriveremo mai con questi droni?
Non c’è limite, non c’è proprio limite a quello che potremmo fare coi droni perché ogni giorno ne nasce una nuova. Proprio oggi stavo parlando con un mio cliente, che spero diventerà mio socio, per sviluppare un discorso degli show con i droni che stanno man a mano sostituendo gli show con i fuochi artificiali.

Sempre più città stanno passando ai droni. Adesso che è stato Capodanno, tantissimi comuni hanno richiesto di fare uno show pirotecnico tra virgolette utilizzando i droni al posto dei i fuochi artificiali. Questo è solamente uno degli esempi. I droni a brevissimo trasporteranno le persone da Fiumicino fino in centro città di Roma, in un quarto d’ora. Abbiamo un bel miglioramento rispetto ai ritmi attuali, ma veramente gli utilizzi possibili sono infiniti.

Inizia sempre o quasi sempre con una passione e poi se uno riesce a metterci del suo, magari in un campo che gli è già familiare, sicuramente può avere dei bei risultati anche a livello lavorativo.

A chi è rivolto quindi questo libro?

Questo libro è rivolto sia a chi è già stato nostro cliente, perché voglio comunque dargli qualcosa di cartaceo, perché noi abbiamo sempre pubblicato info sui prodotti e quindi mi piaceva anche dare un libro fisico, qualcosa di tangibile che gli facesse capire oggettivamente che non siamo burocrati.

Siamo persone con una grande passione e cerchiamo di svilupparla tutti i giorni, ma anche al neofita assoluto che magari ha comprato un drone su Amazon e con questo libro riesce già a capire che cosa deve fare per non finire in galera tra virgolette utilizzando il drone. Tant’è che uno degli omaggi che poi diamo è proprio un’altra pubblicazione che si chiama “Droni. Come evitare un giro in galera” perché ci sono effettivamente sanzioni penali.

Quindi si rivolge sia a chi ci conosce già, sia a chi non ci conosce e però vuole approfondire il discorso sui droni. Può avere anche, diciamo, la sua importanza per chi magari già pilota il drone da diverso tempo e vuole fare un lavoro, perché nel libro si fanno tanti, tanti esempi di applicazioni concrete al mondo del lavoro. Quindi se uno ha bisogno di idee, nel libro le trova.

Ci sono anche parecchi spunti su come sviluppare queste idee, su come iniziare a creare la propria attività, creare un proprio network, iniziare a sostenersi economicamente con il drone o in tutto o in parte.

Veramente ammirevole. Un avvocato che è diventato il più grande esperto di droni. L’autore del primo libro sull’opportunità dell’utilizzo del drone come una svolta nella carriera, come un’opportunità, anche tramite il networking come spieghi perfettamente nel tuo libro di crearsi veramente una seconda entrata facendo un lavoro che si basa molto probabilmente sulla propria passione.

Qual è stato il riscontro dei primi lettori?

Allora, il riscontro devo dire è stato molto, molto positivo. Chiaramente i primi ad averlo acquistato sono stati i miei fan, quelli che già mi seguivano da tempo e quindi non può che essere stato molto positivo, quindi adesso attendo. L’abbiamo pubblicato da poco, quindi ora attendo qualche recensione di persone comuni che magari non mi conoscevano.

Ma ciò che è piaciuto di più è stata proprio la semplicità con cui vengono esposte le varie dinamiche che stanno dietro a questa burocrazia importante. Questo e appunto il numero di idee che vengono snocciolate nelle pagine e che fanno spesso scattare qualcosa nella mente.

Dire magari: sono un geometra ed effettivamente posso usarlo per fare questo, questo, questo, questo, questo. Non ci avevo pensato. Sicuramente questa è una delle cose che mi ha fatto più piacere. Sviluppare il business anche per le persone che non avevano pensato di farne un business.

Bene, “Vola più in alto. Come un drone può realizzare i tuoi sogni“. Questo libro non è un manuale tecnico, nemmeno una biografia.

Però io, che ho avuto la fortuna di leggerlo in anteprima, posso dire che è molto di più, perché è una storia unica di un imprenditore veramente talentuoso e contiene tutta una serie di informazioni che vanno veramente a togliere le perplessità e i dubbi di chi affronta questo mondo, da un punto di vista legale e da un punto di vista di quelle che potrebbero essere le opportunità.

Grazie, grazie Gabriele per questa collaborazione veramente fantastica, così unica nel suo genere. Come ti sei trovato con il nostro servizio, se posso chiederti, di Bookness?

Grazie a te innanzitutto. Mi sono trovato bene, nel senso che io ero in qualche modo esperto nella creazione di info prodotti tecnici, ma non avevo mai scritto un libro di questo genere, quindi sicuramente avere avuto un aiuto nella redazione, nel capire come far passare le idee in un certo modo, anche uscendo dall’ambito tecnico, passando proprio sull’ambito direi del mindset o qualcosa del genere, mi è stato di grande aiuto.

Non so quanto tempo avrei potuto impiegare, se l’avessi voluto scrivere interamente da solo senza alcun supporto esterno, quindi grazie per questo. Credo sia un bel risultato. A me piace molto questo libro e secondo me piacerà tanto a chi ha una passione per questo mondo.

Grazie Gabriele, ti mando un abbraccio. Salutami la tua famiglia. A presto.
Grazie mille. A presto.
Share This