Enrico Rivarossa autore libri bookness
Ciao a tutti e benvenuti a questa nuovissima intervista di BookNess.

Per me è veramente un grandissimo piacere avere dall’altra parte una persona rara, che mi ispira, un visionario straordinario che realizza progetti incredibili: il Dottor Enrico Rivarossa.

Enrico buonasera, dicci chi sei e di che cosa ti occupi.

Salve, sono Enrico Rivarossa, faccio il dentista da 43 anni e cerco di curare al meglio le persone.

Ho ripetuto questa cosa in tutti video che ho fatto, relativi a ciò che sento essere la mia Mission: avere un impatto molto più ampio, più esteso sulla salute orale e dentale preventiva di tutti gli italiani, facendomi aiutare da altri dentisti.

Ne approfitto dunque per lanciare un appello, perché stiamo cercando medici altruisti e generosi come volontari a tempo parziale dell’associazione Un Sorriso Per Tutti Onlus, la nostra Onlus di dentisti.

Quindi la Onlus www.unsorrisopertuttionlus.org è una iniziativa che lega e connette tanti dentisti in Italia, volta ad aiutare le persone in difficoltà economica: dare comunque un supporto odontoiatrico, un aiuto, per la cura di questa parte del corpo, così importante e delicata.

Così delicata e così dimenticata dai medici e da tutti gli altri specialisti!

La medicina è diventata un po’ settoriale nei confronti della odontoiatria e la bocca è sempre stata considerata come qualcosa di reietto.

Una volta i dottori definivano il dentista un medico che non sapeva fare il suo lavoro, per questo si dedicava all’odontoiatria.

La bocca viene dimenticata anche dagli stessi pazienti, perché c’è tutto un insieme di leggende metropolitane, di modi di pensare, che voglio cercare di smontare.

Mi sembra di essere un po’ come Davide contro Golia, solo che dovrò sferrare molti colpi per raggiungere il mio intento.

Dall’altra parte mi sembra di essere, una figura un po’ comica, Don Chisciotte contro i mulini a vento, per l’asprezza di questa battaglia.

E, poiché quando il gioco si fa duro i duri si buttano, vediamo cosa riusciamo a fare, perché raccogliere molti medici sarà già un’impresa, cambiare la mentalità sarà ancora più difficoltoso, anche se basterebbe poterla cambiare in una piccola percentuale di persone.

Una percentuale che diventi un nucleo, uno zoccolo duro, che inizi a comprendere che la bocca è un organo da curare bene fin dall’infanzia, evitando poi interventi che potrebbero essere anche dannosi.

In fin dei conti siamo tutti esseri umani e l’errore può trovarsi dietro l’angolo, anche per chi fa bene il suo lavoro.

Oggi purtroppo ci sono alcuni dentisti che creano più danni che vantaggi e lo dico come se fossi in camera caritatis, perché sono i pazienti stessi a raccontarlo e saperlo.

Non penso che l’Ordine dei Medici mi salti addosso per questa affermazione, perché è una cosa risaputa, che conoscono tutti, che dico con spirito nella speranza che venga interpretata nel modo giusto.

Ho riportato questa affermazione anche nel libro che ho scritto Smile Italy, sorridi Italia, Denti sani per sempre senza il dentista.

Per questa dichiarazione, messa su un semplice depliant, sono stato aggredito da alcuni colleghi, come se avessi detto lo strafalcione più grosso della mia vita.

Spero tanto che la gente cresca un po’ in spirito e intelligenza.

Quando mi hai contattato mi hai parlato di questa tua missione e della Onlus, mi hai detto di voler portare questo messaggio a tutti gli italiani e che esiste un solo modo per farlo: produrre libri rivolti sia ai pazienti che ai dentisti.

Così con Bookness abbiamo pubblicato due libri, quello verde per i pazienti, le persone comuni, insomma per coloro che vogliono un’igiene dentale e maggiore consapevolezza su come curare al meglio il proprio sorriso, e quello rosso per i dentisti.

Sì, per insegnare ai dentisti queste stesse cose.

Mi occupo di implantologia e chirurgia da tanti anni e mi ritengo ad un buon livello, ed è per questo che mi sento di poter dire alcune cose, grazie alla mia esperienza.

Insegno chirurgia e implantologia, mettendoci insieme molta crescita personale.

Ritengo che, oltre ad essere degli ottimi professionisti o lavoratori, dobbiamo anche diventare delle persone sempre migliori.

Il mio mezzo per migliorare è quello di aiutare gli altri e penso che sia così per tutti, nonostante le guerre e inimicizie che ancora oggi ci sono fra gli esseri umani.

Quando mi dicevi che questo è un libro per avere un sorriso migliore, ho impiegato un po’ di tempo per comprendere che il sorriso migliore derivava anche da una spiritualità, da un diverso stato interno, oltre al fatto di lavarsi i denti con costanza e andare consapevolmente dal dentista.
Esattamente. Devi sapere però qualcosa in più sulla bocca!

La maggior parte della gente si rifiuta di informarsi e tutto è lasciato nelle mani del dentista.

Il piano di trattamento molte volte viene subìto e non condiviso, non valutato insieme, viene buttato lì, senza neanche parlarne.

Il paziente spesso non sapendo cosa dire o fare accetta, magari facendosi togliere tre o quattro
denti.

Stiamo rielaborando il concetto di prevenzione orale anche per prevenire trattamenti invasivi, che potrebbero risultare sbagliati, perché quando si verifica il problema, si può solo cercare di limitare i danni.

La prevenzione ideale, pulire bene i denti, va fatta quando i denti sono sani.

Non è che si debba fare un corso di odontoiatria e diventare dentista per discutere alla pari con il proprio medico il relativo trattamento, però è importante saper dare un’occhiata alle radiografie e comprendere che cosa viene proposto.

Purtroppo oggi ci sono delle figure commerciali che si occupano ad esempio dei preventivi, che non sanno niente di odontoiatria, che mirano al raggiungimento dell’obiettivo mensile.

Questa prevenzione, ad ampissimo raggio, oltre che preventiva è anche curativa, valida magari nel caso di una carie o un impianto da mettere, ad esempio.

Il libro è soltanto l’inizio.

Con il funnel, come con gli upselling, il mio intento non è quello di vendere di più, ma di far conoscere a più persone possibili questo libro insieme alle informazioni contenute, utili a confrontarsi e ad educare i figli.

Ci sono tanti suggerimenti, tante cose, che mi dispiacerebbe non fossero conosciute ed è per questo che voglio farlo arrivare a tutti gli italiani, perché ritengo siano cose da insegnare addirittura a scuola.

Abbiamo costruito intorno al libro un percorso, in 11 moduli, dove si scende più nel dettaglio di ogni argomentazione, acquistabile sul web.

Ritengo che l’odontoiatria sia il 70% forma mentis, educazione; il 30% è operatività del medico.

Il grosso lavoro che deve fare sia il dentista che il paziente, è imparare come si tratta la bocca, come si mangia, ed un’infinità di altre cose.

Ci tengo a sottolineare che lavorando con te Emanuele, con la tua squadra efficientissima, bellissima e simpaticissima, è stato veramente facile scrivere il libro.

Era già scritto, erano 7 anni che avevo voglia di farlo uscire, ma avevo bisogno di qualcuno che mi fornisse un quadro generale in cui inserire tutti i tasselli di questo puzzle, facendolo diventare qualcosa di finito.

È stata una bellissima avventura che continuerà.

Il tuo libro ha avuto grande successo nella vendita territoriale, hai stampato tantissimecopie.
Le ho regalate ai miei pazienti per dargli la possibilità di comprendere ciò che gli spiego in studio, interrogandoli poi sul contenuto.

Uno di loro mi ha scritto che avrei dovuto regalarglielo 30 anni fa… chissà se lo avrebbe letto con lo stesso interesse con cui lo ha letto ora, dopo avere provato sulla propria pelle cosa vuol dire perdere i denti?

Purtroppo abbiamo un problema di target, nel farci conoscere, nel fare il giusto marketing, perché ai giovani che hanno denti sani non interessare; quelli che hanno avuto già dei problemi o li hanno tutt’ora pensano che sia tardi, quindi il libro sulla prevenzione può sembrare fuori luogo.

Spero che, presentandolo a chi ha già avuto dei problemi, si faccia ambasciatore del mio messaggio verso i giovani.

All’interno del libro c’è la possibilità di interagire, di poter scrivere sul libro cartaceo, e questo permette di apprendere i concetti con una operatività che rende il tutto molto più chiaro.

Ci sono poi tutti i link relativi ai percorsi, agli approfondimenti, che il dottor Rivarossa propone per conoscere sempre di più questa materia finora sottovalutata, ma fondamentale per tutti: la salute, il sorriso, la felicità.

Quindi abbiamo un libro verde Smile Italy, un libro rosso Full Arch, mancherebbe soltanto un libro bianco.

Sì, un libro bianco che voglio fare, ma sto aspettando di incontrare uno scrittore di libri per bambini, per cui ti chiedo un consiglio, un appoggio.

Vorrei dedicarlo ai bambini e alle mamme, perché le mamme sono l’Angelo della casa, del focolare.

Il nostro target principale sono le donne e le campagne di vendita punteranno a loro, con la speranza che convincano mariti, fidanzati, figli, nonni e papà a prendersi cura dei denti e della bocca.

Ci sarà anche un quarto libro, che potrebbe essere azzurro come la maglia della nazionale, improntato sulla crescita personale, finanziaria, intitolato Non sarà mai troppo tardi per sistemare la tua situazione finanziaria, dove l’argomento principale saranno i miei fallimenti.

Ho avuto anche dei fallimenti finanziari, insieme ai successi, e questo ulteriore libro nasce dalla voglia di aiutare gli altri a non fare i miei stessi errori, come per esempio aprire un bar senza essere un barista.

È sempre un grande piacere sentirti, ascoltare questa tua visione, questo tuo evolverti in maniera vulcanica, è qualcosa che mi ispira.

Un abbraccio.

Ci sentiamo presto con i prossimi progetti.

Ciao Enrico.

Ciao e grazie, grazie a tutti!

Se hai scritto un libro e vuoi sapere quanto costa pubblicarlo, allora sei nel posto giusto!

Registrati al Webinar per scoprire come anche tu puoi sfruttare il Metodo V.O.L.A. grazie al quale 138 autori sono diventati bestseller Amazon.
Share This