Mente Potente un libro non solo per imprenditori

Ciao a tutti e benvenuti in questa nuovissima intervista di BookNess. Dall’altra parte è un onore avere Dario Perlangeli, autore insieme a sua moglie Cristina Bari del libro “Mente Potente”.
Un libro di spessore a tutti gli effetti. Dario ciao e dicci chi sei e di che cosa ti occupi…

Ciao Emanuele, io e Cristina che è mia moglie, siamo dei life coach e condividiamo questo progetto professionale anche nella nostra vita, perché ci siamo conosciuti per motivi professionali tanti anni fa e condividiamo il “Metodo in Cima”.
Un percorso di crescita personale che insieme abbiamo ideato e insieme abbiamo strutturato negli anni, con la nostra esperienza e che ha portato oggi a questa sintesi che è il libro Mente Potente.
Quindi noi siamo dei life coach, creatori del Metodo in Cima che è un programma di coaching individuale per il cambiamento, anzi noi amiamo definirci e amiamo definire la nostra attività, di cambiamento, perché il nostro approccio e la nostra indole personale e professionale è proprio quella del risultato.
Quindi l’intero sistema dal “Metodo in Cima”, allo stesso libro “Mente Potente” è orientato ad accompagnare lo studente o il lettore nella realizzazione dei propri obiettivi.

Infatti parlavamo poco fa, del fatto che il tuo libro è un “Action Book” e poi come esplicitato all'interno del sottotitolo, il primo libro con tutor individuale. Che significa questo? Spiegacelo meglio!

Questo è un progetto ambiziosissimo e siamo nel bel mezzo di questa sperimentazione di questo laboratorio che ha dello straordinario.
L’idea qual è? Noi contiamo su un certo numero di persone che ci seguono ormai da diversi anni, quindi sono studenti di vari livelli all’interno del Metodo in Cima.
Queste persone sono imprenditori, professionisti, impiegati, studenti, quindi il nostro è un approccio trasversale che non si rivolge ad una categoria ben specifica, ma si rivolge solo a chi vuole realizzare degli obiettivi o sta vivendo delle difficoltà o vuol risolvere delle insoddisfazioni.
Per cui tutte queste persone che ci seguono, realizzano i loro obiettivi negli ambiti personali e professionali, poi continuano a studiare con noi negli anni, perché ogni mese noi abbiamo un programma di lavoro che li porta ad un passaggio al livello successivo e quindi hanno acquisito una certa esperienza, oltre alla conoscenza teorica ovviamente del nostro metodo.
Insieme a loro abbiamo voluto condividere questo bel progetto questa idea del tutor individuale. Il motivo è semplice e come dicevo in precedenza, abbiamo sempre professato l’idea di non volersi occupare di formazione teorica limitata solo all’aspetto teorico, ma di voler accompagnare i nostri studenti concretamente su cosa fare e nel come farlo, cosa che purtroppo manca nell’ambito formativo.
Quando abbiamo deciso di scrivere “Mente Potente” ci siamo detti che non volevamo mettere nelle mani dei nostri lettori un libro, che sebbene sia un action book, ma un qualcosa in più rispetto alla pratica e teoria.
Questo qualcosa in più potevamo darlo attraverso un’attività di tutoring, che è la sorella minore della nostra attività di coaching individuale, perché noi associamo al coaching individuale anche un’attività di facilitazione.
In sostanza chi partecipa ai nostri corsi, oltre a ricevere i nostri coach come Cristina e altri che lavorano con noi, viene facilitato da uno dei nostri studenti di livello più avanzato.
Una persona più esperta che non è un coach, ma che sostiene il percorso e supporta il cammino strategico ideato dal coach insieme allo studente, quindi la sorella minore della facilitazione, il tutoring.
Abbiamo chiesto a 50 dei nostri studenti più esperti, che sono abbastanza bravi perché hanno realizzato i loro obiettivi e non hanno il titolo da life coach, ma il titolo di esperti, cioè di chi ha fatto esperienza e possono descrivere il loro percorso e spiegare come ce l’ hanno fatta e come si sono mostrati disponibili.
Questo è un progetto di volontariato, noi condividiamo con tutti loro, è un percorso in cui scambi reciprocamente le informazioni e l’energia la forniamo noi settimanalmente, con tutto il gruppo.
Ci vediamo e analizziamo il capitolo rigo per rigo e analizziamo le domande dei lettori, una domanda dopo l’altra e condividiamo le risposte di tutti noi che sono ovviamente anche diverse e per giungere a delle risposte che ci accomunano e che possono essere utili per il lettore quindi ogni lettore può chiedere l’intervento.
Chi può ovviamente, chi vuole leggere il libro da solo lo fa, ma è questa la grande particolarità, chiedere il supporto di un tutor, cioè di una persona alla quale scrivere una email dove ti può rispondere per esempio “io sono a pagina 37” e qui si parla di leve motivazionali.
Sempre per esempio cito una domanda che un lettore abbastanza esperto mi ha fatto. ”mi hanno sempre detto di dover visualizzare o focalizzare le cose positive, mentre invece voi, mi dite di utilizzare anche le leve negative”, ma ho paura di crearmi delle aspettative”.
Una domanda abbastanza tecnica.
Questa domanda è stata messa nel nostro forum privato e ognuno di noi ha dato la sua risposta e questa persona ha ricevuto una email in 24 ore e con una bella risposta che gli ha permesso di sbloccarsi per poi andare a leggere le pagine successive.
Quindi una cosa bella sia sul piano umano, perché c’è un coinvolgimento attivo, emotivo di ogni tutor, che si sente responsabile dell’aiuto nei confronti del lettore e lo stesso lettore che si sente in compagnia.
Questa è l’idea, in un mondo in cui si tende sempre di più ad isolarsi e le situazioni ci stanno portando a questo purtroppo e sapere di poter contare su un essere umano che condivide il tuo stesso percorso, anche se non lo conosci e solo perché stai leggendo un libro, mi sembra un’idea fantastica.

Ho una curiosità che credo sia anche di chi ci segue che potrebbe essere un imprenditore, il libero professionista che utilizza un libro in modo strategico esattamente come hai fatto tu.
Ora dobbiamo svelare che per pubblicare un libro di 500 pagine in pochissimo tempo come abbiamo fatto in Italia e in tutto il mondo e il cartaceo in ebook.
Abbiamo lavorato duramente per circa un mese, sabato e domenica compresi. ma abbiamo raggiunto insieme il risultato e il successo del libro è stato inequivocabile.
Hai venduto 500 o 600 copie in pochissime ore e ora il libro è un “The Best Sellers Amazon”.
Però questi numeri fatti anche di persone che lavorano per te, dimostra che stai gestendo un progetto di una oggettiva complessità, un grandissimo libro, un team enorme di 50 persone che sono veramente tante e stai facendo tutto in tempi rapidissimi.
Il tuo libro è un Best Seller nella categoria ambiente, spirito, ed è il secondo ebook in assoluto più scaricato in Italia nelle ultime 24 ore.
Come riesci a organizzarti a gestire tutte queste attività è che tipo di consigli potresti dare ad imprenditori e liberi professionisti e anche agli scrittori?

Il libro è stato scritto con un impegno e lavoro da parte di entrambi sfruttando anche il periodo che ci ha costretti a casa e la mossa vincente è stata quella di affidarci ad un professionista che ha ci liberato almeno di quel pensiero. A volte una domanda ti tiene sveglio per delle ore, non dormi e sapere di avere la persona adatta a cui chiedere e di avere la risposta esatta è il top e vale quanto l'intero libro. Secondo me quando abbiamo deciso di scegliere te e te lo dico in tutta sincerità, questa è stata una mossa vincente, senza di voi non avremmo pubblicato il libro e non l'avremmo sicuramente fatto entro natale. Non avremmo potuto avere il supporto anche nell’editing e con le ore piccole parte Eleonora, di Marco. Si sono unite un po' anche le nostre famiglie, perché quando ricevi una email la mattina e vedi che ti è stata inviata alle due e mezzo di notte, ti rendi conto che dall'altra parte c'è qualcuno che si sta interessando concretamente è al di là del piano professionale e non lo dico per farti pubblicità. Però noi dovevamo uscire con il libro prima di natale per motivi professionali e come ben sai abbiamo avuto delle difficoltà. La chiave di lettura non è tanto non avere delle difficoltà e ne abbiamo evitate molte, ma quando tu hai delle difficoltà, hai bisogno di qualcuno che te le risolva e non puoi non puoi dire vabbè c'è stato un problema. Quindi ti devo ringraziare sul piano strategico, perché da imprenditore mi sono liberato dal peso, cioè dall'idea di dover anche pensare a come pubblicare un libro, su come essere primo su Amazon. Quindi nel momento in cui ho delegato completamente alla vostra agenzia il la pubblicazione del libro io mi sono dedicato alla strategia al marketing boards, perché il mio lavoro è il Metodo in Cima. Io e Cristina non siamo degli scrittori professionisti, ma siamo dei coach professionisti, non abbiamo mai scritto nulla, ma siamo accanto ai nostri studenti tutti i giorni della nostra vita. Anche noi alle due e mezzo mandiamo delle email ai nostri clienti a volte, quindi siamo accanto ai nostri clienti e abbiamo potuto scrivere un libro per questo. Il fatto che noi abbiamo scritto un libro è sicuramente un’azione strategica per farci conoscere, per accrescere l'autorevolezza, per due autori che da vent'anni e lavorano in sordina, nel sottobosco della crescita personale, mentre alcuni guru escono allo scoperto davanti a migliaia di persone e magari non li hanno mai incontrati i loro clienti, oppure hanno un lavoro diverso. Noi invece seguiamo da una a 80 persone l'anno, che non sono un numero straordinario in termini numerici, ma in termini quantitativi seguire tenendo per mano una persona vi assicuro che à un lavoro importante. Noi abbiamo un team di nuove persone dove non c'è solo il marketing, ma c'è una scuola per coach alle spalle e non avremmo creato un sistema di tutoring così importante se non avessimo questa struttura. Quindi abbiamo utilizzato il libro per lanciare il Metodo in Cima e le consulenze gratuite che un nostro coach fa quando il lettore chiede delle informazioni. Con questa consulenza gratuita si indica quali strade sono possibili e la prima è quella di fare una consulenza e poi in seguito ci sono le altre attività ed è una cosa che abbiamo fatto anche perché c’è l'hai suggerita tu. L'avevamo anche pensata, ma è stato utile il suggerimento, ovviamente non avendo la possibilità di andare nei luoghi fisici per presentare il libro. Adesso abbiamo creato il New Year Challenge, che sono otto dirette che facciamo e le mandiamo in Facebook nel nostro gruppo e in queste dirette abbiamo preso i temi centrali dei vari capitoli e quindi tre capitoli per volta, dicendo ovviamente cose molto diverse anche da quelle che sono scritte nel libro per dare qualcosa di diverso. Le approfondiamo in queste dirette stiamo presentando il nostro libro, con contenuti che affrontiamo direttamente anche rispondendo alle domande dei nostri lettori. Chiaramente ci stanno seguendo delle persone che non hanno ancora acquistato il libro è mi sono accorto dai numeri dai report, che la sera subito dopo il New Year Challenge, abbiamo venti o trenta di vendite in più grazie a questo.
Quale è stata la reazione delle persone che da anni ti seguono alla notizia che tu e Cristina avete pubblicato un libro e poi messo a loro disposizione?
Ci sono state delle reazioni di cui adesso ti parlerò, ma fondamentalmente i nostri clienti ci chiedevano il libro e ce lo chiedevano da anni. In sostanza, pur facendo il lavoro sporco quotidiano e permettimi di dirlo, cioè quello di affrontare le difficoltà insieme a loro e risolverle, noi suggerivamo anche di leggere, ed erano delle letture che non avevano il taglio pratico che noi diamo nei nostri coach, perché sono gocce di vita vissuta e quindi ci dicevano, ma perché non ce lo scrivete voi un libro? Ecco perché abbiamo creato l’Action Book, perché non potevamo non scrivere questo libro. Quindi delle reazioni ci sono state e c'è stato molto entusiasmo e chi ci conosce da più tempo, che magari si era allontanato da noi, si sono messi a disposizione per divulgare e sono amici e clienti anche di 20 anni fa che avevamo perso di vista. Sono state molte le reazioni di entusiasmo e ti dico che alcuni imprenditori che ci seguono da vicino, anche nelle nostre strategie di marketing, hanno apprezzato il fatto che adesso anche loro si sentono più forti perché si sono affidati a due coach che adesso sono anche scrittori. Abbiamo dato forza ai nostri stessi clienti e nel momento in cui dovevano parlare con un amico, per dirgli che siamo bravissimi, che abbiamo risolto dei problemi e li abbiamo aiutati a realizzare degli obiettivi. Ora possono dire che scrivendo il libro Mente Potente gli abbiamo dato più forza.
Assolutamente, e questo perché l'ho riscontrato in molti altri imprenditori e soprattutto nelle consulenze. Quando l'imprenditore arriva con il proprio libro, quello che mi sono sentito dire a volte e mi stupisce, è che dall'altra parte il potenziale cliente è più sereno, cioè da serenità. Il fatto che tu hai scritto un libro, ti dà non solo autorevolezza, ma dà anche serenità alla persona che si rivolge a te. Questa serenità sarà ancora più forte nel momento in cui il libro che hai scritto è diventato un Best Seller, che ha già più di 50 recensioni positive e quindi dall'altra parte c'è una fiducia totale verso l'esperto, perché è ufficialmente riconosciuto con un libro che ne dimostra le sue competenze.
Ho una chicca che potrebbe essere utile tante persone. Ovviamente la vendita su Amazon ti toglie la possibilità di fare ii generation, perché tu vendi e chi acquista non ti lascia un dato. Noi all'interno del libro abbiamo inserito una meditazione, cioè la possibilità di scaricare gratuitamente una meditazione personalizzata con il proprio nome, quindi all'interno troviamo anche un link che ci permette di ovviare alla al problema regeneration, quindi una bella iniziativa che sta funzionando molto bene.
Utilissima questa strategia che poi la consigliamo sempre per ogni tipo di imprenditore. Quali sono i link dove possiamo trovarti?

Il link è www.metodoincima.it e www.mentepotente.it dove si spiega un pò il libro e per l’acquisto. In questi due giorni lo sai che c’è la promozione dell’ebook e che si può scaricare gratuito.

Grazie Dario a presto.
Share This