Andrea D’Angelo presenta il libro Digitalizza o Muori

Ciao a tutti e benvenuti a questa nuovissima intervista di BookNess.

Dall’altra parte, un grande autodidatta, una persona che stimo tantissimo, Andrea D’Angelo, con un libro dal titolo apocalittico “Digitalizza o Muori“.

Andrea ciao, dicci chi sei e di che cosa ti occupi.

Ciao Emanuele e ciao a tutti!

Dire di che cosa mi occupo è un po’ macroscopico, ma cercherò di farlo per sommi capi.

Diciamo che la mia ambizione, nonostante la mia giovane età, 25 anni, è sempre stata quella di
essere una persona di successo, che è ben diverso da avere successo o ottenerlo, per cui la maggior parte del lavoro da fare riguarda la crescita personale.

La mia grande aspirazione è quella di essere un imprenditore seriale perché mi piace mettere le mani in più settori, mi piace avere a che fare con collaboratori con cui condividere dei sogni, dare lavoro a chi ha voglia di lavorare, insomma tutti questi aspetti concorrono a creare in me un unico stimolo.

Negli ultimi anni mi sono trovato a mettere in pratica finalmente quella che è una delle mie più
grandi passioni al di là di tutto: il marketing in ambito digitale.

Quindi ho voluto racchiudere questi ultimi anni, dove ho lavorato dietro le quinte, in un qualcosa di stratosferico, in un qualcosa che possa impattare positivamente, soprattutto in questo periodo, per soddisfare uno dei miei più grandi bisogni che è quello di contribuire.

Questo mio contributo l’ho chiamato Digitalizza o Muori che ha lo scopo di fornire e contemporaneamente aiutare a mettersi al passo con i tempi, tutte quelle strategie ormai testate da me, dai miei collaboratori e dalle aziende con cui collaboro, in termini di digitalizzazione e Digital marketing.

La promessa è quella di mostrare una strada spianata per digitalizzare in totale autonomia.

Mi piacerebbe che fossero in tanti a percorre questa strada, invece di affidarsi alla classiche web agency, magari investendo ingenti cifre di capitali per poi ritrovarsi con un enorme delusione e con risultati quasi pari a zero.

Hai fatto un introduzione a quello che è il mondo che stai cercando di esplorare e di sviluppare.

Stavo riflettendo su un aspetto molto interessante: ci conosciamo da qualche mese e mi hai detto che il tuo sogno è diventare un imprenditore seriale, in parte già lo sei, e dare lavoro a tante persone.

Ciò su cui stavo ponendo l’attenzione è il fatto che, per diventare imprenditore seriale , occorre per forza digitalizzare.

Non è possibile oggi pensare di seguire più attività imprenditoriali o più business, senza che questi siano collocati in una dimensione non prettamente fisica, ma puramente digitale quindi più fluida, snella.

Il tuo libro, in che modo può aiutare un’azienda a digitalizzarsi e quindi anche a scalare i propri risultati?

Può aiutare in molteplici modi.

Intanto fornisce un condensato di tutti gli step necessari.

Quando si è agli inizi, oppure quando si è in un forte trend evolutivo in merito alla digitalizzazione, non si sa neppure da dove partire; oppure si è delegato il lavoro, ma non si ha il controllo su quella delega.

Digitalizza o Muori fornisce ovviamente tutti gli step in modo da poter monitorare efficacemente chi è stato delegato e comprendere se è proficuo; oppure tutti gli step necessari anche per partire da zero e mettersi al passo con i tempi.

Insegna come pubblicizzarsi sui social, come sfruttare il web a proprio vantaggio, a digitalizzare processi che distraggono l’imprenditore o il team al suo servizio, ad acquisire clienti e fidelizzarli.

Aiuta dalla A alla Z, senza perdersi in azioni che non servono o strumenti onerosi e costosi che non
bisogna utilizzare.

Ma porta dritto al punto, tanto è vero che la promessa è digitalizza in 30 giorni per abbattere le barriere territoriali, per mettere il turbo e quindi acquisire più clienti, più vendite, più fatturato.

Ormai da tempo sappiamo che sono tre i metodi per mettere il turbo alla propria attività: avere più clienti, farli spendere in maniera molteplice e ogni volta con un valore maggiore.

Digitalizza o Muori ti guida e ti porta, quasi per mano, a fare tutto ciò.

Spero di essere stato chiaro e sintetico Emanuele.

Assolutamente sì Andrea. Sei un ragazzo giovane, ma sintetico e chiaro.

Considerando che chi ci segue, segue il progetto BookNess, magari vorrebbe scrivere un libro o rivolgersi a te per digitalizzare la propria azienda, puoi parlarci della tua esperienza relativa alla scrittura stessa del libro?

Qual è stata la sua esperienza a tal proposito?

Ti ha portato via tante risorse, ti sei affidato a delle persone che ti hanno aiutato, hai sviluppato un programma in maniera autonoma e poi magari ne hai delegato la scrittura ?

Raccontaci questo tipo di esperienza, per cortesia.

La mia esperienza è stata prettamente positiva.

Credo che i tuoi servizi e la tua missione siano digitalizzati molto bene.

Ho approcciato al tuo team totalmente online, spinto da una forte voglia di racchiudere questi contenuti e devo dire che siete molto responsive e molto efficaci.

La mia esperienza durante tutto il percorso per la costruzione ad hoc del libro, non mi ha rubato tempo con processi macchinosi anzi, tutt’altro.

È stato un percorso fluido, e posso dire adatto sia a coloro che possono dedicare molto tempo al progetto, sia per coloro che invece non ne hanno a disposizione, perché i tuoi servizi Emanuele sono veramente perfetti.

Fanno leva sull’abbattere innanzitutto le barriere territoriali e temporali.

Mi metto nei panni di chi magari non può cimentarsi in sistemi macchinosi o perdere tempo, cosa che potrebbe risultare impattante sul proprio business, sulla propria vita e famiglia, ma tramite i tuoi servizi può abbattere queste barriere.

Quindi vorrei complimentarmi con te e con il tuo team, a dire il vero, perché sono rimasto sorpreso: non si trovano molti servizi così fluidi e ben organizzati!

Grazie Andrea!

Ti ringrazio per i complimenti, seppur la mia domanda non era rivolta proprio nello specifico ai miei servizi.

È interessante ciò che stai dicendo: un servizio come BookNess è un esempio di come un’azienda potrebbe digitalizzarsi.

Abbiamo avuto un primo approccio completamente virtuale e poi si è trasformato in una relazione umana, solida, fatta con più collaboratori, con più professionisti, con cui tu hai collaborato e ognuno, come ti sei reso conto, ha un proprio ruolo per ogni tipo di attività da svolgere.

Abbiamo creato il tuo libro in base ai contenuti che ci hai trasmesso, che rimangono tuoi, non solo in forma scritta, ma anche attraverso interviste, e noi, come professionisti, abbiamo “confezionato” il tuo prodotto.

Lo abbiamo impaginato, creato la parte grafica, trasformato in un libro cartaceo e pubblicato
in poco tempo attraverso un percorso che, come ci insegna il tuo libro, parte dal digitale per arrivare all’idea tangibile dell’ottenimento dell’obiettivo.

Partire da un mondo che può sembrare essere astratto, come quello del digitale, ma che invece è reale, per arrivare ad avere un vero e proprio prodotto in mano, all’obiettivo, che nel tuo caso, può essere il libro, per altri una consulenza, la vendita di un servizio o un prodotto.

Come pensi di promuovere questo libro che è stato pubblicato da pochissimi giorni?

Attraverso internet e attraverso l’offline, cioè attraverso le presentazioni, covid-19 permettendo?

Sono in molti a domandarmi delle presentazioni!

Comprendo bene che il contatto con le persone non abbia prezzo.

Ma questo contatto potrebbe avvenire anche online, ovvero organizzare delle vere e proprie presentazioni tramite Zoom, video conferenza, selezionando e pubblicizzando tramite i social a persone realmente interessate.

Oggi, in tempi di covid, queste stanze virtuali stanno rivoluzionando un po’ i vecchi sistemi e possono essere sfruttate proprio come se fossero delle aule, dove si fanno presentazioni fisiche vere e proprie.

Quindi organizzare una presentazione magari una volta al mese.

Quando poi sarà possibile avrò sicuramente l’onore, il piacere e la voglia di farle anche fisiche.

Vorrei tanto che questo libro raggiungesse molte partita IVA perché è molto importante; do prova tangibile di quello che dico ed è un qualcosa che davvero può veramente aiutare.

Ma non voglio sbilanciarmi troppo, non voglio svelare altro.

Dico solo che nel libro c’è la riprova proprio dell’aspetto tangibile.

Andrea comprendo che tu non voglia sbilanciarti, mi permetto però di accennare al metodo E.S.I.S.T.O

Il metodo E.S.I.S.T.O che ho avuto la fortuna di leggere in anteprima, è strutturato in 5 step.

Attraverso questo metodo, tu insegni ad un imprenditore, un libero professionista, un esercente a digitalizzare la propria azienda sfruttando anche un manuale operativo, fatto di moduli in parte già precompilati.

Occorre dunque finalizzare questi moduli e poi, attraverso una mappa molto intuitiva suddivisa in quadrati, è possibile definire un piano di digitalizzazione.

Ho preso queste informazioni dalla descrizione del tuo libro, ed è esattamente ciò che promette e mantiene, perché il tuo è un libro assolutamente divulgativo, conoscitivo, con una grande parte interattiva: ciò che serve per imparare!

Occorre fare gli esercizi, perché se non si fanno si può studiare tutto ciò che serve senza però ottenere alcun risultato, ma è lì, compiendo l’azione, che si impara.

Quanto è importante quindi l’applicazione delle informazioni contenute all’interno di un libro, ad esempio come il tuo, rispetto alla pura informazione secondo te?

Secondo me impatta per l’ 80%, mentre la teoria per il 20%.

Ho notato che alcune persone spesso sono corsisti professionisti che non applicano mai; altri si
informano in maniera libera, ma hanno quella sorta di procrastinazione che gli impedisce di avere risultati; altri ancora, con il giusto mindset, che però non fanno azioni massicce in direzione dei propri obiettivi.

È a quelle persone che mi rivolgo, a cui voglio dire che ho voluto fare un prodotto estremamente pratico, dove troveranno l’ottanta per cento di contenuti applicabili da subito e il 20% di teoria, resa proprio semplice e comprensibile a tutti.

E di questo ne vado fiero, perché noto che in giro si tende a teorizzare molto e a dare meno importanza agli aspetti pratici e questo porta ad una sorta di procrastinazione nella concretizzazione, nel compiere azioni verso i propri obiettivi.

Andrea quali sono i siti web dove possiamo trovarti o gli spazi sociali?

Possono trovarmi su Amazon; oppure digitalizzaomuori.it oppure protocolloesisto.it
Grazie Emanuele per il tempo dedicato e alla prossima.

Ciao Andrea! Un abbraccio e a presto!

Se hai scritto un libro e vuoi sapere quanto costa pubblicarlo, allora sei nel posto giusto!

Registrati al Webinar per scoprire come anche tu puoi sfruttare il Metodo V.O.L.A. grazie al quale 138 autori sono diventati bestseller Amazon.
Share This